L’ultima regata

L'ultima regata

Ed eccoci all’epilogo della Festa di Primavera organizzata da Eritros. Le cose belle finiscono in fretta e così è arrivata anche l’ultima regata.

La partenza è nei pressi di Hramina, con un lato di disimpegno verso un’isoletta per fare bolina. Poi verso Gnalic, da passare a nord, con un lungo lato di spi.

In partenza siamo attaccati da Polaris, l’Elan 333 che ovviamente non ha alcuna difficoltà a passarci avanti da sottovento e di bolina. Come ho già detto la superficie velica, il peso sulla chiglia e le condizioni generali di quella barca sono le migliori della flotta, è più veloce persino del First 35, due piedi più lungo, più nuovo, più tutto.

La nostra Anja non bolina. Facciamo qualche grado in meno degli altri e quello che per noi è stringere al massimo agli altri sembra una bolina larga. Ma non lo è!

Dopo il disimpegno si poggia e si da spi.  Decidiamo di armarlo subito ma abbiamo avuto problemi all’issata.  Poi finalmente dopo un pò di traffico si apre.

Andiamo bene fino a Gnalic, dopo di che al traverso decidiamo una mossa diversa. Diamo un bordo fuori. Il vento ci dà buono, tanto poi occorrerà risalire. Stavolta nessuno copia, perché siamo indietro.

Recuperiamo qualche posizione e al secondo lato di spi puntiamo dritti all’arrivo. Qualche barca ci morde la poppa,  sono bravi gli equipaggi con lo spinnaker! Una bella lotta!

Fino all’ultimo tentiamo la difesa da un equipaggio che cerca di portarci via il piazzamento, ce la facciamo sul rotto della cuffia. Bella sfida!

Tagliata la linea di arrivo, scende la tensione.

Gli equipaggi degli altri Elan ci hanno dato filo da torcere. Ma alla fine anche questa volta ci piazziamo bene.

Ma le classifiche, di oggi e quelle generali, non escono. Ovvio, stasera c’è la cena (molto parca) della premiazione e dunque suspense fino alla fine!

In porto a Biograd ci aspetterebbe una bella doccia calda, ma… Sono gelate! Decido lo stesso di buttarmici sotto, ma sdraiarsi su un iceberg sembrerebbe la stessa cosa.

Sentiamo un pò regatanti della Festa, quanti di voi hanno sfidato il gelo prima della cena di “gala”????  Beh, una cosa buona c’era: con quel freddo la tensione è scesa sotto le scarpe.

E così, pronti e profumati per la serata, ci accomodiamo in sala e guardiamo le foto fatte dall’organizzazione…  Purtroppo di barche in navigazione pochine e anche Anja non è pervenuta.

Poco male.

Datemi tempo cari amici e vi confeziono un bel video-commento che pubblicherò non appena possibile su questo blog. Intanto guardate che bel regalo ci ha fatto Google ……. Video momenti di Anja

Tra parentesi, ancora non vi siete iscritti? Fatelo subito, se no come facciamo a scambiarci idee e avventure a vela? E poi, non vorrete mica lasciarci scappare il video?

Dopo la pappatoia e in una sala un pò buia (chi ha foto decenti si faccia avanti, le mie sono parecchio buie) è il tempo delle classifiche. Indovinate chi è arrivato primo? Giusto.

Ma secondi assoluti siamo noi, l’equipaggio di Anja! Bellissima soddisfazione.

Siamo arrivati prima di tutte le barche più grandi più belle e più nuove. Per noi una gran sudisfa, ma penso che la cosa non riguardi anche gli altri… Mi sbaglio marinai?

E mentre un gruppo di marinaie sta organizzando per il prossimo anno una barca tutta femminile (con lo zampino di Velaleggera),  si brinda a Slivovitz a una festa della vela che meriterebbe più velisti e regatanti. Noi ci proviamo.

Alla prossima marinai, restate connessi e buon vento!

Ti è piaciuto l’articolo? Ti va di farlo conoscere ai tuoi amici? Clicca sul tweet e condividi questa esperienza con tutti.

Grazie in anticipo.

[bctt tweet=”#Festadiprimavera2016 #eritros @vela #regate Festa della vela in Croazia – Navigare è libertà” username=”velaleggera”]


Ecco gli altri articoli relativi alla Festa di Primavera Eritros 2016

Long way Zadar

Al traverso nel mare di Murter

Una bolina lunga 20 miglia

Epreuve navigateur

Cosa ne pensi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: