Roc Nére II torna a casa. Ma è pronta per la flottiglia!

Roc Nère torna a casa , ma è pronta per la flottiglia!Bentrovati marinai, è giunto il momento di salutarci, almeno per quanto riguarda l’avventura marinara a bordo del meraviglioso Fun Roc Nère II che ci ha condotti senza mai una sbavatura fino al porto di Monfalcone.

Facendo due conti, abbiamo navigato 362 miglia, di cui il 90% a vela, con qualunque condizione di vento. Siamo partiti da Monfalcone e siamo arrivati fino a Silba, la bella isola con le acque cristalline, passando per l’Istria, Susak, Unije, Premuda, Losinji, Cres e molte altre isolette che hanno accompagnato le nostre notti in rada.

Il Fun non ha mai fatto un passo indietro.

Le vele, le manovre, tutto ha risposto al momento giusto.

Un’esperienza meravigliosa che mi ha fatto imparare qualcosa di più sul mare, sulla mia barca e sulla vita della marinaia. Non sarebbe potuta nemmeno cominciare se al mio fianco non ci fossero state la competenza, la destrezza, la manualità, l’abilità alle manovre e l’esperienza velica di Carlos Wenzel, il mio compagno di vita e di navigate. Grazie a lui, a Roc Nère II e al mare dell’alto Adriatico sono cresciuta un po’ anche io.

Perciò, GRAZIE!

Quando si è in mare (o in qualunque esperienza difficile fuori dal nostro contesto abituale) occorre in primo luogo sapere di non sapere tutto. E stare ad ascoltare, accettare gli insegnamenti del mare.

Abbiamo incontrato personaggi strabilianti

Il vento croato ha portato verso di noi persone meravigliose che abbiamo conosciuto durante il nostro veleggiare.

Come Aurora, che abbiamo incontrato a Rovigno e che ha navigato fin lì dall’Argentina, da sola su un 32 piedi. Una donna fenomenale cui va tutta la mia stima e il mio rispetto. Trovate le sue gesta in questo sito (cliccate su Deporte) vi consiglio di dare un’occhiata.

E poi i nostri amici friulani Anna e Luca, che hanno condiviso con noi la navigata dell’ultima settimana di mare e che portavano la loro OneYOne, un vecchio Alpa ben modificato e poco più grande dell nostro Fun, in crociera per la prima volta. Prova superata, bravissimi! Non vi perderemo di vista 😉

Il mare come avete visto ci ha dato tanto. Con il racconto su questo blog ho provato a condividere quello che stavo imparando, vivendo, emozionando, con tutte e tutti voi. Sono felice di avervi incontrati, marinai! Perciò desidero ringraziarvi tutti ♥ (lo farei uno ad uno se ne avessi la possibilità) per l’affetto, il sostegno, le domande e l’interessamento che avete dimostrato per questo piccolo lavoro che è costato comunque tempo e dedizione e che l’amore per il mare e per il Fun hanno ispirato.

E’ una barca straordinaria che vi auguro prima o poi di poter navigare. Pensata dalla Janneau per le regate e oggi prodotta dal cantiere italiano Lillia, il Fun si è rivelato, con qualche adattamento, anche un’ottima barca da crociera. Certo un po’ spartana, come piace a noi, ma in fondo è così che si recupera lo spirito originario del navigare.

Sarebbe meraviglioso poter organizzare una flottiglia!

Che ne dite se ripetessimo l’esperienza insieme il prossimo anno?? Lo so che ci avete pensato qualche volta, leggendo gli articoli del blog – “Ah come mi piacerebbe”“Ah se potessi mettere in acqua anche io la mia piccola barca a vela e prendere il mare…”. Mi sembra di sentirvi :).

E allora dai, non esitate! Cominciate ad attrezzarvi, contattatemi e prepariamoci a fare flottiglia nel 2016 nelle acque croate!! Fatevi avanti, il mare ci aspetta e anche noi vi aspettiamo. Per ora un immenso grazie. Restate con le Volpi, hanno ancora molto da raccontare.


Di seguito vi ho postato la mappa completa del viaggio e l’elenco degli articoli precedenti che raccontano la storia di Roc Nére II in Croazia, casomai vi foste persi qualche pezzo…… Buon vento per tutto, marinai!

Tutta l’avventura in Croazia di Roc Nère II qui

Mappa del viaggio

Cosa ne pensi?